TWEED

pron. tuid) È il nome generico di tutti i tessuti cardati, originariamente scozzesi, di peso medio o invernale, a grana grossa, superficie ruvida, disegni fantasia, in due o tre colori. Tipico il HARRIS TWEED, dal filato grosso e ruvido, nei classici disegni spigati. Vengono considerati tweeds anche molti altri tessuti maschili, dagli cheviots ai saxonies, donegal, eccetera. esistono vari tipi che prendono il nome della zona di cui sono originari. L'HARRIS è fatto ancora esclusivamente con telai a mano. Il DONEGAL TWEED deriva dalla città irlandese dove ha cominciato ad essere tessuto, è una delle varianti più diffuse: ha "bottoni" di lana di colore contrastante rispetto ai fili di trama ...

... e ordito, che formano un effetto tipico. Il filato è cardato, la mano è pungente ed è molto ruvido. - Nome di un fiume della Scozia meridionale nelle cui vallate, ricche di grandi allevamenti di pecore, venivano filati e tessuti a mano le prime stoffe di lana cardata dal caratteristico aspetto ruvido, grossolano a puntini multicolori. Tessuto usato per capispalla da uomo e da donna fin dalla fine dell'Ottocento, viene oggi fabbricato a macchina nei diversi tipi, una volta tessuti a mano. Vedere harris e donegal.






***************

IL COTONE -dalla piantagione al tessuto- di Massimo Moretti
DOWNLOAD Glossario Tessile

Questa Definizione è stata vista n° 135 Volte


Cerca ancora




 

 

 

 

 

 

Utenti connessi: 434 | Sei il visitatore n° 5757
© Copyright -All Reserved. | Email |