MICROFIBRA

da micro + fibra.E' realizzata con filati la cui finezza è pari o inferiore a 1 decitex (contro i 3 decitex di una fibra chimica classica). Generalmente più fine è la fibra e più si ottengono tessuti dal look unico, leggeri e robusti, ingualcibili, morbidi e lisci, dalla mano delicata e dall'eccellente drappeggio. Tuttavia, se il titolo è troppo fine, il tessuto risulterà floscio piuttosto che morbido. I tessuti di microfibra sono di facile manutenzione, lavabili a macchina, durevoli e mantengono la forma originaria. Si realizzano tessuti che sono filtranti (lasciano respirare la pelle, e consentono al sudore in forma di vapore acqueo di sfuggire all'esterno) e anti-vento (grazie ad una contestura ...

...a molto serrata). La lavorazione smerigliata rende il tessuto, in 100% poliestere, caldo e morbido come la lana.Per i tessuti per esterni le microfibre sono spesso in mischia con filati naturali (spesso viene scelto il cotone per il suo aspetto e per le sue capacità assorbenti). Le mischie di microfibra possono risolvere molti problemi, ma per le più alte prestazioni sono migliori i materiali in pura microfibra. Le fibre sintetiche sono diventate più attraenti grazie alle recenti ricerche sulle microfibre. I principali nomi generici di questo gruppo di fibre sono poliammide, poliestere, polipropilene, acetato, acrilico, viscosa ed elastam, dalle quali deriva una miriade di marchi commerciali.Le microfibre erano utilizzate inizialmente per l'abbigliamento sportivo e tecnico ed oggi fanno parte anche dell'abbigliamento cittadino e della moda, per l'intimo, il tempo libero e per il tessile d'arredamento.






***************

IL COTONE -dalla piantagione al tessuto- di Massimo Moretti
DOWNLOAD Glossario Tessile

Questa Definizione è stata vista n° 95 Volte


Cerca ancora




 

 

 

 

 

 

Utenti connessi: 74 | Sei il visitatore n° 2934
© Copyright -All Reserved. | Email |