DIFETTI NELLA TESSITURA ORTOGONALE

In un tessuto ortogonale i difetti sono indotti da caratteristiche del FILATO, regolazione ORDITO, regolazione TRAMA.



Tra i difetti di filato, peraltro ricordati precedentemente, si trovano:

asola o riccio (breve tratto di filo in ordito od in trama), che si presenta nel tessuto attorcigliato su se stesso a causa di scarsa o eccessiva torsione:, grumo o batuffolo, ammasso di fibre accumulato durante la lavorazione; fiamma, ingrossamento di filato di diametro ben superiore al normale e con le estremità rastremate;

- irregolarità di fondo, con elevato rapporto tra parti piene e vuote nel tessuto;

- filo sporco, macchiato prima o durante la tessitura, in ordito ed in trama:
- filo sovratorto o sottotorto, sia in ordito che in trama.


Difetti da regolazione ordito possono essere:


- filo mancante, spesso filo non riparato;

- ordito arcuato, eccessiva curvatura data da variazioni di tensione dell'ordito durante il tessimento;

- vuoto di pettine, stretta striatura caratterizzata da spazio vuoto tra due fili adiacenti, imputabile a pettine usurato;

- segno di pettine, solchi sottili provocati da una non corretta passatura dei fili nel pettine

- filo allentato, filo che si presenta increspato perché meno teso di quelli adiacenti;

- filo teso, filo che presenta minori ondulazioni dei fili adiacenti per minore tensione;

- rigatura in catena, presenza nel tessuto di uno o più fili di tipo diverso (anche fili doppi, sovratorti o sottotorti);

- filo sbagliato, causato da errore nell'alimentare le rocche all'orditoio o mescolamento nella stessa rocca;

- errore di rimettaggio, filo di ordito passato nel liccio secondo una sequenza errata.

 




Difetti da regolazione trama possono essere:

- barratura in trama, banda trasversale diversa dal resto del tessuto e ben definita per diverso tipo di filato o diversa densità del filato stesso;

- trama arcuata, andamento sinuoso sulla larghezza del tessuto per effetto di differenti tensioni;

- trama allentata, si presenta con leggere increspature nel tessuto dovute all'inserimento a minore tensione;

- trama doppia, presenza di due inserzioni nello stesso passo;

- trama mancante o rotta, presente parzialmente o non presente nel passo per rottura o mancata inserzione;

- strabattuta, fascia visibile con maggiore intensità di inserzioni, per irregolarità nell'avvolgimento del tessuto;

- chiarella, difetto opposto al precedente;

- trama sbagliata, errore nell'alimentazione del filato o mescolamento sulla rocca;

- trama errata per armatura, per sequenza sbagliata di inserimento e non conforme al disegno previsto.

- Difetti nei tessuti sono anche rappresentati da una 'mano" non conforme e dal non mantenimento della stabilità dimensionale.


 

 

 

 

 

Utenti connessi: 480 | Sei il visitatore n° 27
© Copyright -All Reserved. | Email |