GUARNIZIONI RIGIDE




Le guarnizioni rigide sono costituite da un filo di acciaio provvisto di denti taglienti a spigolo vivo. Alla base il filo ha uno Spessore maggiore di quello del dente, sia per garantire un appoggio, sia per evitare il contatto laterale tra i denti e permettere la penetrazione momentanea delle fibre nella guarnizione.

Nella produzione delle guarnizioni rigide viene usato un profilato di acciaio con misure differenti, questo acciaio è al carbonio con una percentuale di 0,65 per il Doffer e Briseur e 0,8/0,85 per il Tamburo.

Il profilato viene sagomato e la punta del dente temperata con un sistema speciale, la base viene lasciata morbida per evitare rotture durante la fase di montaggio.



Le dimensioni delle punte variano talvolta notevolmente, e dipendono dalla compattezza del materiale da lavorare, dalla quantità e dalla finezza delle fibre.

Ovviamente le punte di questa guarnizione sono estremamente rigide e molto resistenti al logorio, hanno una durezza che varia dai 790° ai 1010° Vickers, a seconda del tipo di guarnizione e dall'organo rotante su cui viene montata.

Data la loro minima altezza, esse trattengono difficilmente le fibre, presentando raramente il difetto della saturazione.

Per le loro importanti prerogative, sono oggi le più diffuse e si distinguono tra di loro dai seguenti fattori:



Si differenziano tra di loro per i seguenti fattori:

 

Guarnizione per TAMBURO Durezza da 860° a 1010° Vickers
Angolo mordente da 15° a 35°
Altezza da mm2 a mm3,2
Punte al 1" da 400 a 1085

 

Guarnizione per DOFFER
Durezza da 860° a 900° Vickers
Angolo mordente da 25° a 30°
Altezza da mm4 a mm5
Punte al 1" da 350 a 400

 

Guarnizione per BRISEUR
Durezza da 790° a 900° Vickers
Angolo mordente da -5° a 16°
Altezza mm 5,5
Punte al 1" da 3,9 a 5,6

 

Larghezza della guarnizione

Altezza della guarnizione

 

 

 

 

 

Utenti connessi: 833 | Sei il visitatore n° 70
© Copyright -All Reserved. | Email |