MOLATURA DELLE GUARNIZIONI




Dopo un certo periodo di lavoro, le guarnizioni diminuiscono il loro potere cardante, in quanto le loro punte, per il continuo strofinamento con le fibre, vengono smussate.

E' necessario perciò sottoporre le guarnizioni ad una molatura, operazione mediante la quale, per mezzo di speciali mole abrasive, viene asportata una piccola parte alla sommità delle punte in modo da formare nuovamente spigoli taglienti.





Le mole impiegate possono essere a cilindro o a disco, (la cilindrica non viene più usata da nessuno).

La mola a disco è costituita da un disco (spessore 9 cm, diametro cm 16/17 circa) che scorre liberamente su un robusto albero, cavo nell'interno sul quale è praticata una scanalatura longitudinale parallela all’asse. Nell'interno si trova una grossa vite con scanalatura elicoidale incrociata (sinistra e destra) nella quale penetra una forcella saldata ad perno che entra nel disco, passando attraverso la scanalatura dell’albero. Tale disposizione ha lo scopo di imprimere al disco la stessa velocità angolare dell’albero e, contemporaneamente, di spostare il disco assialmente.





Mola a disco

1) puleggia della trasmissione

6) bronzina con sedi eccentriche
2) bronzina normale  7) ruota dentata
3) albero scanalato 8) anello di collegamento
4) disco mola 9) manovella a morsetto

5) albero cavo

10) scatola a dentatura interna

 


Intervalli di molatura

L'intervallo di tempo tra una molatura e l'altra dipende soprattutto:

- dalle caratteristiche delle guarnizioni,

- dalle caratteristiche del materiale in lavoro,

- dalla produzione della macchina.

Gli organi durante la molatura della guarnizione, devono ruotare in senso negativo e la mola nello stesso senso degli organi.

Al termine della molatura si effettua una brunitura delle guarnizioni, allo scopo di togliere le bave (uncini formatesi sulle punte per fusione del metallo) e i grani di smeriglio incastratesi tra le punte.



Molatura dei cappelli

Anche la guarnizione dei cappelli, come quella del tamburo e del doffer, è soggetta ad usura per le medesime motivazioni, ed allora è possibile eseguire una rettifica dei cappelli senza doverli togliere dalla macchina,.



Sistema di molatura a cappelli liberi

 

 

 

 

 

 

 

Utenti connessi: 251 | Sei il visitatore n° 99
© Copyright -All Reserved. | Email |