LA MANUTENZIONE NELL'INDUSTRIA TESSILE




Scarica "MAINTENANCE" il Software per la gestione delle Manutenzioni


Per MANUTENZIONE nella INDUSTRIA TESSILE si intende la serie di interventi che consente di realizzare la massima efficienza del macchinario di produzione, nel rispetto di adeguate condizioni ambientali ed operative degli operatori.

Riguarda quindi, oltre al macchinario di produzione, le attrezzature di lavoro, i mezzi di trasporto, gli impianti accessori.

Nel tempo si è passati da un criterio di manutenzione intesa solo come riparazione, alla sempre maggiore considerazione degli aspetti di prevenzione dei guasti e di programmazione degli interventi.
 


Alla manutenzione classica si sono aggiunte competenze accessorie quali il servizio antincendio, i mezzi antinfortunistici,la protezione dell'ambiente, la gestione degli impianti centralizzati; alle manutenzioni effettuate esclusivamente con mezzi interni si sono affiancate manutenzioni miste o affidate totalmente ad imprese esterne.

Sono rimasti di competenza del personale interno all'azienda gli interventi che riguardano la messa a punto e registrazione del macchinario di produzione.

Il macchinario tessile, in tutti i suoi comparti, pur mantenendo i principi fondamentali di funzionamento, ha subito una notevole evoluzione in termini di velocità, automatismi, uso della elettronica, della robotica, della informatica.

Ne sono derivate macchine più affidabili circa i risultati qualitativi e produttivi, ma ad elevato impiego dl. capitali, con la conseguente necessità di massimo grado di utilizzo e di efficienza durante l'orario di utilizzo.

Si pensi ad una linea automatizzata di filatura cotoniera nella quale i fiocchi di cotone arrivano, senza manipolazioni, dal prelievo falde in sala mischia al nastro carda nel vaso, oppure dalla levata automatica delle spole del banco a fusi alla levata automatica ed imballo della rocca dalla roccatrice, passando attraverso il filatoio ad anelli.

Ne consegue che la rottura o l'arresto su una macchina compromette l'attività di tutta la linea, con serie conseguenze sul livello di produttività; ogni fermata di macchina a causa di non corretti interventi di registrazione incide negativamente sulla qualità del prodotto.

I criteri di base della MANUTENZIONE sono i seguenti:

MANUTENZIONE a “GUASTO AVVENUTO” - Questo tipo di intervento è orientato ad operare con sostituzione o riparazione di parti solo dopo che un guasto ha interrotto la produzione; è un criterio valido quando le conseguenze sulla produzione non sono particolarmente gravi come nel caso in cui si dispone subito di ricambi o quando la sostituzione del componente guasto è facile e rapida.

MANUTENZIONE a "PREVENZIONE del GUASTO" o PREVENTIVA - Si realizza quando il guasto ha conseguenze gravi che si intende scongiurare; si adotta il criterio di sostituire componenti ed apparecchi in stato di apparente efficienza, ma che siano stati in servizio per un tempo oltre il quale la probabilità di guasto diventa molto grande.

MANUTENZIONE "SECONDO CONDIZIONE" - Nasce a seguito di valutazioni e ricerche che non comportano la sostituzione di componenti a scadenze fisse, ma a seguito di ispezioni; rappresenta una forma di manutenzione più flessibile.

MANUTENZIONE STRAORDINARIA - Ne fanno parte le revisioni periodiche non programmate e le modifiche di miglioramento per adeguare le macchine e gli impianti al migliore "stato dell'arte" tecnologica, sempre in evoluzione.

MANUTENZIONE di AVVIAMENTO, REGOLAZIONE e di MANTENIMENTO - Si esegue quando si avvia una macchina tessile con una nuova partita o qualità che presenta caratteristiche particolari, per verificare il mantenimento delle condizioni operative durante la lavorazione, quando si procede alla lubrificazione ordinaria.

Fanno parte di questa manutenzione interventi di pulizia particolare del macchinario e controlli, come ad esempio sulla regolare trasmissione del moto, sulla efficienza delle guarnizioni carde, sul livello di eccentricità dei cilindri, sulla condizione di usura degli aghi di maglieria, eccetera, secondo la peculiarità di ogni singola lavorazione.
 


I diversi tipi di manutenzione sono adottati a seconda del tipo di macchina o lavorazione è in ogni caso importante che ci si muova da una manutenzione separata, spesso fuori dal contesto aziendale, verso una manutenzione più integrata, per realizzare incrementi di produttività.

Il manutentore specializzato dovrebbe arricchire i suoi compiti in termini di analisi delle tipologie dei guasti, studio dei miglioramenti, definizione di migliori specifiche manutentive il personale di conduzione dovrebbe arricchire le sue competenze occupandosi dei compiti più routinali, tradizionalmente affidati al personale di manutenzione, quali la lubrificazione, le ispezioni ed i controlli.

Si avrebbe così un migliore utilizzo di competenze ed esperienze di chi, opportunamente formato anche per altri compiti, normalmente si limita alla conduzione del macchinario.

Va tenuto presente che nell'industria tessile, divenuta ad alta intensità di capitale investito in macchinario ed attrezzature, assume peso molto rilevante l'efficienza ed il grado di utilizzo del macchinario; non va dimenticato, infine, il costo associato al guasto, rappresentato dalla perdita di "immagine" nel confronto del cliente e dagli inevitabili ritardi di consegna derivati dalla minore disponibilità del macchinario che un sistema manutentivo inefficace potrebbe provocare.

Scarica "MAINTENANCE" il Software per la gestione delle Manutenzioni

 


 

 

 

 

 

Utenti connessi: 1127 | Sei il visitatore n° 24
© Copyright -All Reserved. | Email |